Perché DressUp

DressUp nasce da un’idea di Giacomo Parisi, che una mattina trovatosi davanti al suo armadio non sa come vestirsi. Stanco ogni volta di porsi il solito problema e pensando che magari questo del vestirsi potrebbe essere comune a tanta altra gente, decide di trovare un’app per smartphone che soddisfacesse le sue aspettative. Non trovando nulla, matura nella sua mente l’idea di fare una propria app. Trova subito il nome “DressUp”. Sfortunatamente la ricerca di un programmatore durò per qualche settimana, in quanto tutte le persone cercate non si sentivano all’altezza di poter elaborare quello che Giacomo aveva nella sua testa. Fino a che arriva a conoscere Andrea Picchi, uno dei migliori programmatori in ambito nazionale. Andrea capisce la complessità dell’idea e chiama per il coding dell’app Simone Figliè, dello studio Oimmei. Simone si dimostra un’ottima persona che sin da subito sa integrarsi nel progetto e con la sua comunicazione aiuta passo passo a trasformare l’idea di Giacomo in realtà. Dopo un anno e mezzo di lavoro e 37 beta rilasciate l’app raggiunge la sua completezza.

Le finalità

DressUp si pone come scopo quello di avvicinare al mondo della moda e dell’abbigliamento tutti gli utenti che hanno indecisioni quotidiane per capire come vestirsi. Per chi trova difficoltà ad individuare i colori. Per chi vuole sfruttare al massimo i propri abiti con combinazioni sempre nuove. Per chi vuole diventare lo Stylist di se stesso e lanciare la sua moda mediante la condivisione del proprio outfit sui social network.

L’utente quindi avrà per la prima volta la possibilità di essere al centro del settore della moda!!

back INDIETRO